Ceremony

490618_little_1920x1200_www-gdefon-ru

Ceremony
Il servizio fotografico del matrimonio: progettarlo a tavolino e prevedere alcuni imprevisti
Nel progettare il tuo servizio fotografico del matrimonio, ci sono delle cose che devi assolutamente sapere.
Hai capito bene, parlo di progettazione. Troppo spesso, infatti, in questa fase si salta questa passaggio convinti che tanto non sia fondamentale, ed invece è questa una parte chiave per far riuscire bene il servizio fotografico del matrimonio.

È importante che prima del giorno del matrimonio tu faccia un “briefing” con il fotografo per stabilire tutta una serie di informazioni, e trasmettergli tutto ciò che vuoi e che non vuoi per quel giorno. Più cose il fotografo sa, più potrà muoversi senza disturbarti e tu potrai sentirti veramente libera.
“Sergio mi ero dimenticata di te” è il complimento più bello che io possa ricevere quel giorno.

Per il servizio fotografico del matrimonio ti consiglio di annotare questi suggerimenti e verificali con il tuo fotografo:

stabilisci con lui l’orario in cui far giungere il fotografo a casa tua
stabilisci l’orario in cui uscire di casa
comunica tutte le informazioni sulla chiesa
scegli le location per le foto, e a questo proposito vorrei darti alcune indicazioni in merito: la location dove realizzare il servizio fotografico deve trovarsi a breve distanza dalla chiesa o dal comune ed in linea d’aria verso la sala ricevimenti. Questo per evitare di far attendere gli ospiti al ricevimento molto più del dovuto.
individua almeno due locations per il servizio, una delle quali deve essere riparata per poter far fronte ad eventuali temporali improvvisi. Così facendo si ha la tranquillità di sopperire all’imprevisto e non essere sorpresi dagli eventi naturali. ( il servizio fotografico non può essere messo in crisi anche da eventi naturali imprevisti ed imprevedibili ).
Durante il servizio fotografico del matrimonio, ho visto temporali a ferragosto e sole a dicembre!!!!! il tempo è un terno al lotto!!!! e quel giorno tu non puoi permetterti di scommettere

Nella valutazione delle location coperte , oltre a quelle esterne è bene valutare anche le possibilità offerte dalle sale ricevimento, sfruttare gli ambienti della sala ricevimento stessa, offre, inoltre, il vantaggio di :

essere già sul posto
accogliere personalmente gli ospiti valuta una modalità differente di scatti: in alcuni matrimoni gli sposi ci hanno chiesto di trovare una soluzione per ridurre l’attesa degli invitati in sala, avendo chiesa e sala ricevimento molto distanti tra loro. Abbiamo scelto, assieme, terminata la cerimonia religiosa di dirigerci direttamente al ristorante e lasciare agli sposi la possibilità di accogliere i loro invitati. Abbiamo utilizzato la tecnica del “fotogiornalismo” o, come molti conoscono quella del reportage, sfruttando gli “spazi tra un gruppo di invitati ed un altro per alcuni scatti speciali”.
Ritengo, infatti che le foto siano una parte della festa e non la festa. Sottrarre tempo a parenti ed amici in quel giorno è un limitare la festa stessa un buon fotografo è quello che riesce a seguire gli sposi e non a farsi seguire.
Scegli con cura il tempo per le foto: l’orario migliore per avere una luce particolare è quello che precede il tramonto , o nei primi esterni dopo l’uscita dalla chiesa con il sole alto.
Verifica queste informazioni prima… arriverai al giorno del matrimonio molto più sereno!