Perché rivolgersi ad un professionista.


Sicuramente qualcuno penserà che sto anch’io “tirando l’acqua al mio mulino”. E non posso dire che quel qualcuno abbia completamente torto.
Vorrei tuttavia far notare come troppo spesso la fotografia venga ritenuta qualcosa di poca importanza, che tutti sono in grado di fare. Ovviamente mi riferisco principalmente alla fotografia di matrimonio, che dagli stessi fotoamatori viene spesso vista come “fotografia di serie B”, come se il fotografo di matrimoni non fosse un “vero fotografo”, ma piuttosto un “bottegaio che fa le foto”.
Questo almeno fino a quando gli stessi fotoamatori si trovano a fare il loro primo matrimonio, esortati dalla coppia che vuole risparmiare, che ingaggiano l’amico attrezzato di tutto punto. Ed ecco che l’amico fotoamatore super attrezzato si trova in situazioni che non sa gestire, perde i momenti principali e dimentica di fare le foto più importanti. Alla fine ne esce un servizio monco e qualitativamente scadente, che però non si potrà certo rifare. E la sposa in lacrime si recherà da un fotografo professionista per cercare di salvare il salvabile (mi è successo realmente, più di una volta!).

WTD1490_0

A questo punto io devo fare una domanda agli sposi: fatta salva la libertà di risparmiare per il proprio matrimonio, siete proprio certi che la scelta migliore sia quella di tagliare i fondi per le fotografie?
Domanda/provocazione: visto che cercate il risparmio facendo eseguire le foto all’amico, perché non risparmiate ancora di più facendo preparare il pranzo alle vostre mamme o zie? Anche loro sanno far da mangiare, ma nessuno penserebbe mai di incaricarle per un lavoro del genere, vero?

Ad ogni modo, adesso lascio la parola a qualcuno che potrebbe forse spiegare il motivo per cui può valer la pena ingaggiare e pagare un professionista, invece che affidarsi all’abilità dell’amico – sicuramente bravo e attrezzato – ma che si troverebbe in situazioni per lui ingestibili. E poi, caspita, se è veramente un vostro amico, invitatelo al vostro matrimonio, ditegli pure di portare l’attrezzatura, ma evitate di caricarlo di un fardello così pesante. La responsabilità che gli date, anche se inconsapevolmente, è troppo grande. Non potrà nemmeno godersi la vostra festa. E se qualcosa andasse storto, rischiereste anche di rovinare un’amicizia. Ne vale davvero la pena?